AGGIORNAMENTI
PER UN SOMMARIO DELLE ULTIME NOVITA' PRESENTI SUL SITO > CLICCA QUI <
 
IN LIBRERIA


 
CAMPAGNE
APPELLO AL MINISTRO DELLA SALUTE ON. LIVIA TURCO
PER UNA LEGGE A TUTELA DEI DIRITTI DEI PAZIENTI
INDAGINE SULL'USO TERAPEUTICO DELLA CANNABIS IN ITALIA
NOTIZIE
MEDICALCANNABIS NEWS
ATTI PARLAMENTARI
RASSEGNA STAMPA
NOVITA' DALLA RICERCA
CONVEGNI E DIBATTITI
COMUNICATI STAMPA
MEDICALCANNABIS FORUM
MEDICALCANNABIS F.A.Q.
SCHEDE
POTENZIALI CAMPI DI UTILIZZO TERAPEUTICO
ESPERIENZE PERSONALI
CENNI STORICI
CANNABINOIDI NATURALI E DI SINTESI
ANANDAMIDE ED ENDOCANNABINOIDI
CENNI DI NEUROFISIOLOGIA DEI CANNABINOIDI
MODALITA' DI ASSUNZIONE
POSOLOGIA E DOSAGGI
LIBRI CONSIGLIATI
LINKS UTILI
SPECIALE
CANNABIS MEDICA OLANDA
CANNABIS MEDICA CANADA
CANNABIS MEDICA U.S.A.
DOSSIER
RAPPORTO DEI LORDS
RAPPORTO ROQUES
RAPPORTO IOM
LIBRO BIANCO
MATERIALI ACT
CHI SIAMO
CARTA D'INTENTI
STATUTO
ADERISCI AD ACT
DONAZIONI
CIAO STEVE !
premio di laurea
Stefano Girardi
2004-2005
IACM
We are members of

 

 
E-mail
 

Medical cannabis news - Archivio
Torna alla pagina precedente         NovitÓ dal mondo della ricerca - Archivio
 
CONCLUSA LA FASE I DI UNO STUDIO SUL CT-3,  DERIVATO CANNABINOLICO NON PSICOATTIVO, DOTATO DI PROPRIETA' ANALGESICO-ANTINFIAMMATORIE.

La prima fase (fase I) di una sperimentazione clinica sul CT-3 ha mostrato che questa molecola e' priva di effetti collaterali negli umani. Il CT-3 e' un analogo sintetico del principale metabolita non psicoattivo (acido THC-11-oico) del tetraidrocannabinolo (THC). Le prove cliniche sugli umani sono state condotte presso l'Aster Clinical Research Center di Parigi dalla casa farmaceutica Atlantic su autorizzazione della FDA (Food and Drugs Administration).
Lo studio e' stato condotto per verificare se il CT-3, a tre diversi dosaggi, avesse effetti psicoattivi in volontari sani.

La Atlantic sta studiando il CT-3 come ipotetico sostitutivo dei FANS (farmci antiinfiammatori non steroidei). Studi preliminari effettuati in vitro e su cavie animali hanno mostrato che il CT-3 possede proprieta' analgesiche ed aniinfiammatorie in dosaggi dell'ordine dei microgrammi, senza effetti collaterali gastrici ed a carico del SNC (Sitema Nervoso Centrale). Cio' rende questo composto un valido candidato per lo sviluppo futuro di un agente analgesico antiinfiammatorio che potenzialmente sia in grado di superare gli effetti collaterali delle attuali molecole di uso antiinfiammatorio come aspirina, ibuprofene, indometacina.

Secondo le dichiarazioni del Dr. Joseph Rudy della Atlantic "La sostanza non ha causato effetti collaterali ed i livelli ematici sono stati sempre ai livelli desiderati. Questa notizia preannuncia che la sostanza potra' essere utilizzata efficacemente e con sicurezza per alleviare i sintomi del dolore".Dopo la positiva conclusione della fase I dello studio, la Altlantic ha pianificato di condurre la fase II negli Stati Uniti.


(Fonte: PR Newswire del 28 Agosto 2000)

   

Torna alla pagina precedente



http://medicalcannabis.it - powered by CuteNews