AGGIORNAMENTI
PER UN SOMMARIO DELLE ULTIME NOVITA' PRESENTI SUL SITO > CLICCA QUI <
 
IN LIBRERIA


 
CAMPAGNE
APPELLO AL MINISTRO DELLA SALUTE ON. LIVIA TURCO
PER UNA LEGGE A TUTELA DEI DIRITTI DEI PAZIENTI
INDAGINE SULL'USO TERAPEUTICO DELLA CANNABIS IN ITALIA
NOTIZIE
MEDICALCANNABIS NEWS
ATTI PARLAMENTARI
RASSEGNA STAMPA
NOVITA' DALLA RICERCA
CONVEGNI E DIBATTITI
COMUNICATI STAMPA
MEDICALCANNABIS FORUM
MEDICALCANNABIS F.A.Q.
SCHEDE
POTENZIALI CAMPI DI UTILIZZO TERAPEUTICO
ESPERIENZE PERSONALI
CENNI STORICI
CANNABINOIDI NATURALI E DI SINTESI
ANANDAMIDE ED ENDOCANNABINOIDI
CENNI DI NEUROFISIOLOGIA DEI CANNABINOIDI
MODALITA' DI ASSUNZIONE
POSOLOGIA E DOSAGGI
LIBRI CONSIGLIATI
LINKS UTILI
SPECIALE
CANNABIS MEDICA OLANDA
CANNABIS MEDICA CANADA
CANNABIS MEDICA U.S.A.
DOSSIER
RAPPORTO DEI LORDS
RAPPORTO ROQUES
RAPPORTO IOM
LIBRO BIANCO
MATERIALI ACT
CHI SIAMO
CARTA D'INTENTI
STATUTO
ADERISCI AD ACT
DONAZIONI
CIAO STEVE !
premio di laurea
Stefano Girardi
2004-2005
IACM
We are members of

 

 
E-mail
 

Medical cannabis news - Archivio
Torna alla pagina precedente         NovitÓ dal mondo della ricerca - Archivio
 
I CANNABINOIDI NELLA TERAPIA DELL'ARTRITE REUMATOIDE

In un ampio articolo sul numero di Dicembre 2000 di Arthritis Today, vengono riportate le ultime notizie sugli effetti analgesici e anti-infiammatori della marijuana, sui suoi possibili usi in reumatologia e particolare in una malattia diffusa, poco curabile e spesso letteralmente devastante come l'artrite reumatoide (AR).

In un'inchiesta su circa 1000 consumatori di "marijuana terapeutica" in California, circa il 14% risulto' usarla per artrite o altre malattie reumatiche. Uno studio clinico di Fase I condotto a Parigi nell'estate scorsa ha dimostrato che un derivato sintetico del THC (il principale principio attivo della Cannabis) allevia il dolore e riduce l'infiammazione senza avere rilevanti effetti psichici. In un altro studio pubblicato in agosto sulla rivista dell'Accademia Nazionale delle Scienze USA, gli autori riportano che il cannabidiolo - un componente non psicoattivo della Cannabis - riduce l'infiammazione e la progressione della malattia artificialmente indotta nei topi e inoltre sopprime il rilascio del TNF, uno dei fattori che contribuiscono all'AR.

Uno degli autori, l'israeliano R. Mechoulam, che ha studiato la Cannabis per 35 anni, dichiara: "La classe medica per anni si e' tenuta a distanza dalla marijuana, era una faccenda troppo politica, una droga illecita. (...) Questo atteggiamento ha probabilmente ritardato gli usi medici dei cannabinoidi. Per esempio, io ho tentato per anni di avviare uno studio clinico del THC nella sclerosi multipla in Israele, ma nessuno dei grandi reparti di neurologia volle impegnarsi. Cio' e' illogico." Mechoulam sottolinea inoltre che piu' di meta' dei farmaci oggi disponibili sono derivati da prodotti naturali, e la marijuana potrebbe essere uno di questi. Facendo riferimento ai vari rapporti ufficiali che hanno recentemente sostenuto la necessita' di andare avanti con questi studi, Mechoulam si dichiara moderatamente ottimista: "Spero che con queste forti raccomandazioni piu' studi clinici verranno fatti".

(Fonti: Arthritis Today ;  Malfait AM et al. The nonpsychoactive cannabis constituent cannabidiol is an oral anti-arthritic therapeutic in murine collagen-induced arthritis. Proc Natl Acad Sci USA 97(17):9561-6 )

   

Torna alla pagina precedente 1



http://medicalcannabis.it - powered by CuteNews