AGGIORNAMENTI
PER UN SOMMARIO DELLE ULTIME NOVITA' PRESENTI SUL SITO > CLICCA QUI <
 
IN LIBRERIA


 
CAMPAGNE
APPELLO AL MINISTRO DELLA SALUTE ON. LIVIA TURCO
PER UNA LEGGE A TUTELA DEI DIRITTI DEI PAZIENTI
INDAGINE SULL'USO TERAPEUTICO DELLA CANNABIS IN ITALIA
NOTIZIE
MEDICALCANNABIS NEWS
ATTI PARLAMENTARI
RASSEGNA STAMPA
NOVITA' DALLA RICERCA
CONVEGNI E DIBATTITI
COMUNICATI STAMPA
MEDICALCANNABIS FORUM
MEDICALCANNABIS F.A.Q.
SCHEDE
POTENZIALI CAMPI DI UTILIZZO TERAPEUTICO
ESPERIENZE PERSONALI
CENNI STORICI
CANNABINOIDI NATURALI E DI SINTESI
ANANDAMIDE ED ENDOCANNABINOIDI
CENNI DI NEUROFISIOLOGIA DEI CANNABINOIDI
MODALITA' DI ASSUNZIONE
POSOLOGIA E DOSAGGI
LIBRI CONSIGLIATI
LINKS UTILI
SPECIALE
CANNABIS MEDICA OLANDA
CANNABIS MEDICA CANADA
CANNABIS MEDICA U.S.A.
DOSSIER
RAPPORTO DEI LORDS
RAPPORTO ROQUES
RAPPORTO IOM
LIBRO BIANCO
MATERIALI ACT
CHI SIAMO
CARTA D'INTENTI
STATUTO
ADERISCI AD ACT
DONAZIONI
CIAO STEVE !
premio di laurea
Stefano Girardi
2004-2005
IACM
We are members of

 

 
E-mail
 

Medical cannabis news - Archivio
Torna alla pagina precedente         NovitÓ dal mondo della ricerca - Archivio
 
USA: BREVETTATO "CEROTTO" AL THC

Il 5 Settembre 2000 la General Hydroponics, una azienda californiana, ha ottenuto una licenza dall'US Patent and Trademark Office per la realizzazione di un sistema di somministrazione transdermica di cannabinoidi, in pratica un "cerotto" che rilascia cannabinoidi nella circolazione sanguigna attraverso la pelle.

Nei test eseguiti il "cerotto" e' stato applicato alla superficie inferiore del polso. L'effetto farmacologico inizia a manifestarsi in circa 10 minuti e si protrae per 4-6 ore.

Questa particolare modalita' di somministrazione dei cannabinoidi puo' risultare particolarmente utile nei pazienti con tumori in chemioterapia, che a causa della nausea e del vomito hanno difficolta' a trattenere i preparati in pillole. Questa Ŕ la ragione per cui quest'anno l'American Cancer Society ha finanziato ricerche per determinare se un cerotto al THC possa essere usato come metodo alternativo e piu' efficace, per offrire i benefici effetti dei cannabinoidi ai pazienti che soffrono di nausea, vomito e altri effetti collaterali provocati dalla chemioterapia.

"Battersi contro questo uso medico della marijuana vuol dire combattere la stessa ricerca scientifica." ha dichiarato Paul M. Hyman, portavoce della American Cancer Society di New York.

( Fonti: New York Times del 23 settembre 2000, Bollettino IACM 1 ottobre 2000)

   

Torna alla pagina precedente



http://medicalcannabis.it - powered by CuteNews